Post

Visualizzazione dei post da Ottobre, 2015

Il libraio che imbrogliò l’Inghilterra – Roald Dahl

Immagine
Traduzione di Massimo Bocchiola
Le Fenici
78 pagine
Conosco Roald Dahl ormai da molti anni. Lo incontrai per la prima volta da bambina, anche se non ricordo in quale occasione. Forse fu grazie a La fabbrica di cioccolato, oppure Le streghe. Certamente i suoi libri hanno fatto parte dell’infanzia di molti bambini, che una volta cresciuti lo ricordano ancora con affetto. Nonostante il lungo tempo trascorso, mi sono informata soltanto recentemente sulla sua vita (da piccola lo identificavo fisicamente con il gigante de Il GGG, grazie all’illustrazione di Quentin Blake). Di origine norvegese, nasce nel 1916 in Gran Bretagna, dove si è trasferita la famiglia. Una volta cresciuto, lavora viaggiando in lungo e in largo per l’impero britannico. Allo scoppiare della seconda guerra mondiale si arruola nella RAF, ma inseguito, non potendo continuare a pilotare, viene inviato a Washington come spia. La sua vita da scrittore inizia solo nel 1942, vita che rimane però costellata da dispiaceri personali…

Le protagoniste – Erin Blakemore

Immagine
Traduzione di Elisabetta Stefanini Castelvecchi 190 pagine
Non si tratta di un romanzo, ma non lo definirei neanche un saggio. Questo libro assomiglia di più a una chiacchierata con un’amica. Erin Blakemore è riuscita a coinvolgermi fin dall’inizio proprio grazie alla sua capacità di rendermi partecipe dei suoi pensieri e sentimenti con una confidenza tale da farmela sentire accanto. In queste giornate d’autunno, con il freddo che si fa sempre più sentire e il tempo un po’ uggioso, cosa c’è di meglio che sedersi sul divano con una tazza di tè a parlare di ciò che amiamo con una persona a noi affine? Questo è quello che ho trovato. Come con una vera amica ho discusso di libri ed eroine che già amavo, ma ne ho anche scoperte di nuove. È stato delizioso prendermi questo tempo e abbandonarmi alla scoperta. Ciò che ho apprezzato particolarmente è che Erin (ormai ci chiamiamo per nome) non si è semplicemente limitata a parlarci dei libri con eroine femminili che hanno avuto un significato impor…

Trilogia di New York – Paul Auster

Immagine
Traduzione di Massimo Bocchiola Einaudi 314 pagine
Non mi è facile iniziare a parlare di questo libro perché al momento ho letto soltanto la prima storia riportata: Città di vetro. Le altre due, Fantasmi e La stanza chiusa, le leggerò forse in futuro. Mi sono fermata così presto perché non ne sono stata cattura. Ho fatto fatica ad andare avanti e arrivare alla fine. Mi aspettavo qualcosa di diverso, forse più simile a un giallo. Ho provato a fare qualche ricerca su internet per capire cosa ne pensassero altre persone e effettivamente è stato recepito in modo diverso. Forse ci vedono qualcosa che non riesco a cogliere. Aspetterò un po’ prima di riprovarci.

Una levatrice a New York – Kate Manning

Immagine
Traduzione di Alessandro Zabini Superbeat