Post

Visualizzazione dei post da Gennaio, 2018

Le solite sospette – John Niven

Immagine
Traduzione di Marco Rossari Einaudi 346 pagine
Passiamo subito al sodo, cioè alla trama di questo libro.
È la storia di un gruppo di amiche inglesi che pur non essendo ancora anziane, sono perlomeno vicine alla pensione (hanno dai 60 anni in su). Chi per un motivo (imprese andate a male una dopo l’altra) o per un altro (vedovanza improvvisa), si trovano in serie difficoltà economiche. In una situazione così precaria a una delle signore balena un’idea per risolvere i loro problemi: rapinare una banca. Così, ad armi in pugno, l’improvvisata Banda Bassotti si dà alla fuga dopo il colpo, con alle calcagna un sergente a dir poco inverosimile.
Non possiamo non simpatizzare con queste ladre della domenica e la loro voglia di rivalsa.
John Niven ci regala un libro esilarante, con un buon ritmo e situazioni che non sono semplicemente irreali ma veri siparietti comici. Questi appaiono vividi nella nostra mente grazie alla bravura dello scrittore, che con poche frasi riesce a tratteggiare efficaci sc…

Eureka Street – Robert McLiam Wilson

Immagine
Traduzione di Lucia Olivieri Fazi Editore 378 pagine
Irlanda del Nord, Belfast, 1994. Una città in lotta, repubblicani contro lealisti, cattolici contro protestanti. Gli accordi del 1998 sono ancora lontani e gli scontri mietono sempre vittime, anche tra chi non vorrebbe farne parte. Perché non esiste solo l’odio. Chuckie e Jake sono uno protestante e l’altro cattolico, ma questo non ha impedito ai due trentenni di essere sinceramente amici. Il primo, grazie a fantasia e faccia tosta, riuscirà a fare la sua fortuna; mentre il secondo è alla ricerca dell’amore, che sembra trovare in ogni sorriso grazioso. Insieme a loro tutta una serie di personaggi si susseguono, si mescolano, cercano il loro percorso, arrivano a una svolta nella vita. Nonostante il terrore che permea la città e gli atti di crudeltà, l’ottimismo e il buon umore riescono a farsi varco grazie ai personaggi, tenacemente convinti a vivere.
Ciò che ho apprezzato di questo libro è quanto la città riesca a risultare viva, a pul…

The watchmaker of Filigree Street – Natasha Pulley

Immagine
Bloomsbury 318 pagine
Da dove posso iniziare? Non mi risulta facile riassumervi la trama di questo libro, è talmente lenta che avrei paura di raccontarvene tre quarti in tre righe.
Nathaniel Steepleton, detto Thaniel, è un telegrafista del Ministero degli Interni. Lavora duramente nella Londra del 1883 per aiutare la sorella vedova e con due figli, che sono a suo carico. Un giorno trova nella sua stanza un costoso orologio da taschino che non riesce ad aprire e, a quanto pare, neanche a vendere (i banchi dei pegni si rifiutano di comprarlo perché dicono che i modelli di quest’orologiaio spariscono…mah…). Il famoso orologiaio è un immigrato giapponese di nome Keita Mori. L’orologio, grazie a un allarme fastidioso, salva Thaniel da un’esplosione, quest’evento lo porterà a cercare l’orologiaio per capire cosa sappia a riguardo. Altri personaggi entreranno in scena: un ispettore, un altro orologiaio, una studentessa di Oxford di nome Grace, un nobile ed elegante giapponese (Matsumoto). Thanie…

Sleep No More – Six Murdeuros Tales – P. D. James

Immagine
With a foreword by Peter Kemp Faber & Faber 172 pagine
Non so perché ma il periodo festivo mi ha fatto venire voglia di gialli, e questa volta la qualità è decisamente superiore. Ho già incontrato P. D. James, giallista britannica di indubbia fama, anche se ci sono arrivata per via traverse. Infatti, è stata Jane Austen a portarmici nella mia perpetua ricerca di romanzi a lei inspirati. Morte a Pemberley fu una meravigliosa scoperta, che non posso che consigliare. Torniamo all’argomento di questo post, Sleep No More, stampato per la prima volta nel 1973 se non errro. È una raccolta diversa da quelle a cui sono abituata, più che di veri e propri gialli – o almeno come li immagino io – si tratta di cronache di omicidi. I narratori sono gli assassini stessi oppure dei testimoni reticenti. L’omicidio non è una possibilità, ma un fatto già avvenuto, il colpevole esiste, ma è nascosto alla giustizia. Si tratta quasi di un’analisi del delitto, dei pensieri che hanno condotto ad esso, delle v…

La maledizione di casa Foskett – M. R. C. Kasasian

Immagine
Traduzione Clara Seretta Newton Compton
Riprendono le indagini dei detective di Gower St. nella Londra del XIX secolo. Sidney Grice e la sua giovane protetta, March Middleton, sono alle prese con una nuova avventura.
I membri di un club della morte - nel quale tutti i partecipanti mettono dei soldi e chi sopravvive prende tutto - iniziano, come si suol dire, a morire come mosche. Sidney è assunto da uno di loro per indagare. Chi c’è dietro? L’assassino mira solo al denaro o le sue motivazioni sono più personali? E soprattutto, ce l’ha con i membri del club o con Sidney Grice?
Ero partita piuttosto prevenuta visto il primo volume, comunque volevo dargli un’altra chance. Inoltre, l’ho trovato sull’e-reader a un prezzo stracciato, il che non guasta. Cercavo qualcosa di nuovo e leggero leggero, e poi l’ambientazione è una di quelle che preferisco.