Post

Visualizzazione dei post da 2018

Excellent Women – Barbara Pym

Immagine

Il professore e il pazzo – Simon Winchester

Immagine
Traduzione di Maria Cristina Leardini Adelphi 262 pagine
Ci sono delle storie che fanno parte della Storia. Vicende che fanno capolino da quella pila di tasselli che compongono l’umanità e che se le raccogliamo per osservarle da vicino, ci sorprenderanno e faranno sentire un po’ meno persi. Questo è uno di quei casi dove amicizia, passione, tragedia, si mescolano in modo inaspettato, suscitati da rispetto, parole e solitudine. È la storia di un professore, James Murray, che amava le parole incondizionatamente, di molte lingue, ma soprattutto della sua prima, l’inglese. Insieme ad altri irriducibili dedicò tutta la vita, tutto il suo essere, la sua carne, la carne della sua carne, alla creazione della «più colossale impresa dall’invenzione della stampa». La creazione di un completo dizionario della lingua inglese, che raccogliesse tutte le parole, definendole, catalogandole e riportando le adeguate citazioni in ordine cronologico. Un’impresa titanica che portò finalmente, nel 1928, alla luc…

Il colore venuto dallo spazio – H. P. Lovecraft – Adattamento e disegni di Gou Tanabe

Immagine
Traduzione di Monica Bollini J-POP
Purtroppo non ho ancora letto il racconto originale di Lovecraft ma questa graphic novel (o romanzo a fumetti a dir si voglia), che ne è l’adattamento, è stata la perfetta compagna di un pomeriggio uggioso. Narra dell’arrivo sulla Terra di un meteorite, che arriva quasi a schiantarsi sulla cascina di Nahum, un contadino. La sua non è vera fortuna però, poiché dal cuore di quella pietra uno strano colore inizia a insinuarsi nel terreno fino a raggiungere piante, animali e persone. Sembra non rimanere niente del meteorite, ma i segni del suo passaggio e della sua presenza rimangono.

I Buddenbrook – Thomas Mann

Immagine
Traduzione di Silvia Bortoli Mondadori 713 pagine
Questo voluminoso romanzo parla dell’ascesa e della caduta di una famiglia dell’alta borghesia di Lubecca durante il XIX secolo (abbraccia quattro generazioni). Riassumere questo tomo non è facile, spazia fra tanti anni e personaggi. Lascerò ad altri l’essere più particolareggiati.
La lettura è stata abbastanza lenta ma devo dire che lo stile di Mann non è affatto pesante. Riesce a dipingere bene i suoi protagonisti e renderci parte di quello che vivono, a farci provare almeno parte delle loro pene (queste non mancano). Osserviamo in particolare Tom, la sorella Tony e il figlio di lui, Hanno. Ognuno con un modo diverso di vedere il mondo, la famiglia, il proprio ruolo. Sembra però che abbiano qualcosa in comune, nessuno riesce a trovar pace. Niente placa questi animi, non riescono a trovare il loro posto. Nonostante le difficoltà, in famiglia non avrebbero davvero di che lamentarsi. La decadenza fa quasi più parte della loro mente e del loro…